web marketing, keywords, traget,

Quali parole chiave utilizzare sul sito web

Trova le parole chiave per il tuo target

Le keywords giuste sono la base delle strategie di web marketing

Se vuoi far trovare il tuo sito web nei motori di ricerca inizia con identificare le parole chiave adatte al tuo target. Questo è un primo passo importante, ma molti siti web lo fanno male. Allora cerchiamo di sistemare le cose.

parole-chiave-sito-web

Quanto segue è un approccio di buon senso per individuare le parole chiave più importanti e posizionare il sito web nella tua nicchia di mercato.

Se sei troppo occupato per farlo da solo, incarica uno stagista sveglio. Non c’è bisogno di nessuna codifica o pratica SEO professionale. Devi solo effettuare la “ricerca delle parole chiave” giuste per le tue pagine web.

Di seguito vedremo come fare utilizzando la società fittizia “[Marca] Pompe Industriali.”

Fase 1: Ottimizzare le parole chiave in base al contenuto esistente del sito web.

Per i siti web che non hanno alcuna ottimizzazione dei motori di ricerca consiglio di partire dal proprio interno ciò significa creare un elenco di parole chiave in base ai contenuti già presenti sul tuo sito web.
Per fare questo, controlla ogni pagina del tuo sito web e determina quella frase (solo una) che meglio rappresenta la pagina.
La frase non deve includere il nome del tuo marchio. Così, nel caso di “[Marca] pompe industriali”, ciò significherebbe una frase che escluda la parola relativa al nome della tua azienda [Marca].
Queste frasi di base dovrebbero essere 2-3 parole di lunghezza, esempio: “pompe industriali”, “pompe chimiche commerciali.”
Questo diventa il tuo elenco di parole chiave iniziale per la strategia di web marketing.

Fase 2: Determinare quali settori chiave della vostra azienda non sono rappresentati da contenuti esistenti.

Dopo aver completato la fase 1, puoi trovare che l’elenco generato sia breve ed incompleto relativamente alla tua proposta aziendale e agli obiettivi di marketing che vuoi stabilire.
Esempio: le “pompe industriali [Marca]” hanno scoperto che le parole chiave “manutenzione pompa commerciale” e “accessori per pompe commerciali” non sono presenti nella loro lista. La loro pagina “altre offerte” parla di servizio e accessori, ma non esiste una pagina chiave dedicata a questi termini.

Questo è comune. Ci sono molte frasi per cui un sito web dovrebbe tentare di aumentare il suo rank, in questo caso il sito manca di una pagina dedicata sul tema.
La soluzione è quella di creare un secondo elenco di termini aggiuntivi rilevanti per i propri interessi commerciali che non compaiono nel primo elenco.
Questa diventa la tua lista per la produzione di contenuti mirati. Quindi, per ogni frase di ricerca nella seconda lista, è necessario creare una nuova pagina del tuo sito.

NB: Se pensi che non abbia senso avere una pagina dedicata ad una particolare frase, devi rivalutare se è opportuno puntare su questa parola chiave.
Il Planner Adwords Keyword ti può aiutare a dare la priorità alle varianti singolari e plurali in base al volume di ricerca previsto, inoltre è importante per decidere cosa scegliere tra termini sinonimi (ad esempio utilizzare la parola “pompa commerciale” invece di “pompa industriale”).

Fase 3: target termini di ricerca a coda lunga.

Dopo aver effettuato la ricerca di base delle parole chiave rilevanti per la tua attività, ora è necessario creare la tua lista di “parole chiave a coda lunga“.
Le keywords a coda lunga sono dei termini di nicchia (quattro o più parole di lunghezza) che hanno un volume di ricerca minore, ma sono più specifiche e, nel complesso, comprendono anche il volume di ricerca di altre linee singole (2-3 parole di lunghezza).

Anticipando situazioni che interessano il tuo target di mercato, puoi sviluppare contenuti intorno a quei temi, un modo efficace per catturare la coda lunga di traffico dei motori di ricerca, dove c’è meno competitività perché sono dei termini di ricerca che interessano solo quel target.

In questi casi è utile conoscere cosa propongono i tuoi concorrenti nel mercato di riferimento: meglio capisci i loro punti deboli, meglio ti sarà possibile indirizzare la tua comunicazione e prevedere cosa potrebbero cercare i tuoi potenziali clienti.

Esempio: Giorgio è una persona che cura bene la sua attrezzatura per farla durare più a lungo possibile, quando qualcosa si rompe ha bisogno subito di una sostituzione. Allora cerca su Google utilizzando i termini «pompe commerciali spedizione rapida». Se la [Marca] ha dedicato una pagina web che elenca il processo per l’acquisto e la spedizione accelerata, questo si allinea perfettamente con la query di ricerca utilizzata da Giorgio.


Se ti è piaciuto il contenuto fino a questo punto condividi sui social. E poi continua a leggere ...


Ecco alcune cose da tenere a mente quando sviluppi il tuo elenco di parole chiave mirate.

web marketing, keywords, traget,

Dovrei cercare keywords con riferimento ai nomi dei miei concorrenti?

No. Cercare per il nome del concorrente non è una strategia utile.
Se una persona cerca una marca in particolare, sarà molto difficile convincerla ad abbandonare la sua preferenza, non credi anche tu che sia molto improbabile che accada?

Altra considerazione è che i motori di ricerca non possono rilevare i termini se questi non esistono sul tuo sito web (guarda i punti 1 e 2 di cui sopra).
Queste due ragioni rendono questa strategia inefficace.

Più ampio è il termine, più difficile è da classificare.

Classificare le keywords per grandi frasi di ricerca (una o due parole) è allettante a causa del potenziale per il traffico verso il sito web. Ma proprio perché sono termini generali, questo può significare cose diverse per persone diverse, in questi casi la maggior parte del volume di ricerca non è rilevante per la tua attività.

Ad esempio, la [Marca] può decidere di posizionare i suoi contenuti per il termine ampio "pompa", anche se questo presenta un enorme quantità di volume di ricerca, non garantisce che il ricercatore è alla ricerca di una “pompa industriale”. Aggiungendo la parola "industriale" o "commerciale" significa puntare a un volume di ricerca più basso, ma molto rilevante per il contenuto/prodotto, quindi sarà più probabile ottenere visite al sito realmente interessate all’acquisto.

Per comprendere meglio ecco i risultati nelle ricerche su Google in Italia:

  • Pompa = 34.100.000;
  • Pompa commerciale = 1.050.000;
  • Pompa industriale = 1.680.000.

Perché questo approccio?

Il Contenuto stabilisce cosa devi classificare. Pertanto, i termini di ricerca di destinazione devono essere ben rappresentati sul sito. Ecco perché ti suggerisco questo tipo di approccio, il contenuto importante per l’attività che svolgi rappresenta il fulcro delle tue strategie di web marketing.

Qual è il prossimo passo?

Una volta identificati i termini più rilevanti per il tuo sito, avrai la necessità di integrare il tutto in modo corretto nel codice della pagina. Un esperto SEO (Search Engine Optimization) può migliorare ulteriormente l'elenco delle parole chiave, la priorità in base al volume di ricerca e implementare riferimenti geografici per un impatto ottimale.
In ogni caso hai fatto un ottimo lavoro che sarà di aiuto per migliorare la tua presenza online, farti trovare e farti conoscere, soprattutto hai preso consapevolezza del valore di una buona strategia di web marketing per la tua pubblicità su internet.

Finalmente puoi utilizzare il tuo sito web per ottenere risultati

Per aiutarti a risolvere e gestire questo importante passaggio e migliorare la presenza online della tua azienda, PMI, negozio, ecc., soprattutto per farti trovare dalle persone interessate ai prodotti o alle tematiche che tratti con il tuo sito web, sono in procinto di lanciare un infoprodotto che ti spiegherà passo dopo passo tutta la procedura che devi seguire, anche se non capisci nulla di queste cose.

Non credi sia arrivato il momento di acquisire le nozioni necessarie e formarti per effettuare una comunicazione aziendale efficace?


Iscriviti alla lista d’attesa per essere informata/o quando sarà disponibile. CLICCA sul bottone.

Voglio Iscrivermi!


L’idea di realizzare questo articolo è nata leggendo il post su LinkedIn di Chris Leone, esperto di web marketing e strategie per aiutare piccole imprese a generare più contatti e vendite on-line. Ecco il link: clicca qui.


Ti ringrazio per la Tua attenzione, ora condividi sui social.


Al prossimo articolo. Ciao.

About The Author

Rinaldo Panucci

Per tanti anni mi sono occupato di comunicazione aziendale con varie forme di pubblicità, ora voglio utilizzare bene le risorse web per aiutare PMI e Professionisti a farsi trovare in internet e, soprattutto, farsi scegliere. Ci riuscirò? Con il tuo aiuto SI.

Il tuo commento è molto gradito

4 Comments

Leave A Response

* Denotes Required Field